C’era una volta un vasetto e una farifrittata

Share

– C’era una volta un vasetto, non era un vasetto di lusso, ma un semplice vasetto, di quelli che le nonne riempiono di conserve, verdure e frutta sciroppata.

Non so come andasse, ma il fatto gli è che un bel giorno questo vasetto capitò nella cucina di una foodblogger, la quale aveva nome Rosella, se non chè tutti la chiamavano Nel Tegame sul fuoco.

Appena Rosella ebbe visto quel piccolo vasetto di vetro, si rallegrò tutta e dandosi una fregatina alle mani per la contentezza, borbottò a mezza voce: “Questo vasetto è capitato a tempo, voglio servirmene per farci una ricetta innovativa.”

Detto fatto, prese un bel pezzo di carne ed altri ingredienti, lo infilò nel vasetto con spezie e verdure, pulì bene i bordi, lo chiuse coi suoi ganci e fece per immergerlo in un gran pentolone stracolmo d’acqua quando…sentì una vocina sottile che disse: “Rosella, se mi immergi io cuocerò l’arrosto in 40 minuti forse un’ora…ma se mi metti nel microonde io questo arrosto te lo cuocio in 6 o 7 minuti!”

Figuratevi come rimase Rosella.

Girò gli occhi smarriti intorno alla stanza per vedere di dove mai poteva essere uscita quella vocina e non vide nessuno.

Così fece di nuovo il gesto di immergere il vasetto nell’acqua bollente :” 6 minuti Rosella…6 minuti!” gridò di nuovo la vocina.

Questa volta Rosella restò di stucco, co gli occhi fuori del capo con la bocca spalancata e con la lingua giù ciondoloni fino al mento! Il vasetto parlava o era la sua mente che l’aveva abbandonata?

“Poco importa” penso’ Rosella “perchè non provare a dargli ascolto?”.

Lo asciugò bene e lo mise nel microonde, un po’ emozionata e un po’ spaventata. Per 6 minuti guardò il vasetto girare nel microonde e quando il timer suonò fece un sobbalzo, aprì lo sportello e lo tirò fuori. Lo lasciò riposare per 20 minuti mentre guardava al suo interno l’arrosto che sfriggolava. Passato questo tempo, levò i ganci e vide che il coperchio non si apriva…”porca miseria” le scappò “si è creato il sottovuoto…quindi potrò conservare l’arrosto in frigorifero fino a domani e anche dopodomani e anche 15 giorni!”

La verità è che Rosella non potè resistere neanche fino all’indomani, rimise il vasetto nel microonde senza ganci e dopo due minuti il vapore fece aprire il tappo…e il profumo meraviglioso che ne uscì fu solo l’inizio di un mondo...Un Mondo in un vasetto. –

Ho rivisitato la fiaba di Pinocchio per fare un regalino a Rosella a modo mio per ringraziarla di questo mondo in cui mi ha catapultata e che mi piace davvero molto.

Ma di cosa sto parlando? Sto parlando di una tecnica di vasocottura innovativa e veloce rispetto a quella tradizionale a bagnomaria o al forno, la vasocottura al microonde facile sicura e veloce, ideata da Rosella.

Rosella ha studiato, sperimentato e lavorato sodo per darci tutte le dritte, rendendo alla portata di tutti questo metodo di cottura che credetemi vi cambierà la vita!

Innanzitutto la velocità di esecuzione permette di cuocere molte ricette “tradizionalmente lunghe” in pochi minuti ma, secondo me cosa non da poco…creando il sottovuoto permette di conservare i nostri manicaretti in frigorifero fino a 15 giorni.

Ma il microonde non è nocivo?

Ma il metallo va nel microonde?

Si possono usare tutti i tipi di vasi per la vasocottura?

Il microonde può esplodere?

I vasi si rompono?

Le cose cotte in vasocottura sono buone?

Non risponderò a nessuna di queste domande e non perchè io non voglia ma perchè Rosella ha risposto milioni di volte a queste domande…e sul suo gruppo Fb Un mondo in un vasetto e sul suo blog in questo ARTICOLO ne parla così ampliamente che il mio diventerebbe solo un copia e incolla, quindi cliccate sui link e scoprite questo mondo magico.

Personalmente vi dico NON sperimentate prima di aver studiato altrimenti si potrebbe essere pericoloso.

Io che amo e divoro tante verdure tutti i giorni amo questa tecnica perchè esalta tutti i sapori e ne mantiene inalterate proprietà e benefici.

Vi confido che in 7 anni ho usato il microonde solo per scaldare l’acqua del te e per fare un paio di mug cake, mentre da una settimana è l’elettrodomestico più usato in casa mia.

Son partita da ricette semplici : minestre e verdure…per poi passare al riso e alla quinoa.

Ora che mi sento un po’ più sicura della capacità del mio microonde invece…ho iniziato a sperimentare le mie ricette veg in vasocottura dando vita alla rubrica Vasocottura in microonde vegana!

La prima ricetta che vi propongo è la mitica Farifrittata…un successone perchè si fa in 5 minuti e resta morbida e per nulla asciutta!

C’era una volta un vasetto e una farifrittata

La lista degli ingredienti per la Farifrittata:

dosi per 1 vaso da 500 ml

  • 1/2 cipolla
  • 1 zucchina piccola
  • 70 g di farina di ceci
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • la punta di un cucchiaino di curcuma
  • 120 ml di acqua circa
  • sale e pepe qb.

COME SI PREPARA:

Affettiamo sottilmente cipolla e zucchine, le zucchine le ho tagliate a rondelle.

Facciamo soffriggere con un cucchiaio di olio (possiamo far soffriggere un paio di minuti nel microonde o se preferite in una padella).

Saliamo e pepiamo.

Prepariamo la pastella con la farina di ceci, la curcuma e del sale.

Deve essere senza grumi e della consistenza ne troppo liquida ne troppo densa(coe per fare le crepes).

Con un pennellino da cucina ungiamo ben bene l’interno del vasetto con dell’olio.

Nel vasetto facciamo degli strati alternando un paio di cucchiai di pastella a zucchine e cipolla, dino ad esaurimento degli ingredienti.

Puliamo bene i bordi del barattolo, chiudiamo e cuociamo per 5 minuti alla potenza testata nel vostro microonde. ( non hai fatto il test? vuol dire che non hai studiato il post di Rosella, corri a leggerlo)

Estraiamo dal microonde il vaso e lasciamolo riposare 10 minuti, poi sganciamo e rimettiamo due minuti in microonde per farlo aprire.

E se me vien a mi, te vien anca a ti!

Be the first to comment

Ciao lasciami un tuo commento e ti risponderò prima possibile