Focaccia senza lievito con stracchino e asiago

Share

Quando ho visto questa ricetta su una rivista ho voluto subito provarla, mi piaceva l’idea della focaccia senza lievito con stracchino e asiago …mmm in più l’impasto ha solo acqua farina e olio e non ha lunghe ore di lievitazione, quindi perfetta anche per l’ultimo momento…beh non proprio ultimo perchè comunque l’impasto deve riposare un’oretta. L’esperimento è riuscitissimo, se non teniamo conto di quando l’ho sfornata che era gonfissima come se il lievito ci fosse stato, poi raffreddandosi si è sgonfiata ma credetemi era deliziosa e leggera nonostante il ripieno di formaggi.

Focaccia senza lievito con stracchino e asiago

Focaccia senza lievito con stracchino e asiago

La lista degli ingredienti:

  • 300 g di farina 00 o manitoba
  • 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva (evo)
  • 230 ml di acqua
  • 300 g di stracchino
  • 200 g di asiago
  • sale qb

COME SI PREPARA:

Con l’ausilio di un’impastatore o una planetaria o eventualmente a mano, mescolare la farina con 3 cucchiai di olio  e l’acqua.

Dopo una decina di minuti vedrete l’impasto diventare liscio e omogeneo.

Fate una palla, copritela con un telo e lasciatela riposare un’ora in un luogo tiepido e asciutto.

Dopo un’ora dividiamo a metà l’impasto e tiriamolo il più sottile possibile (aiutandovi con poca farina) senza romperlo.

Adagiamone metà su una leccarda coperta da carta forno tenendo da parte l’altra metà.

Tagliamo stracchino e asiago a pezzetti e disponiamo su tutta la superficie lasciando un bordo libero di 1 cm e mezzo.

A questo punto copriamo con l’altra metà dell’impasto, tirata sempre molto sottile.

Sigilliamo bene i bordi con le dita inumidite.

Spennelliamo tutta la focaccia senza lievito con l’olio rimasto e saliamo bene la superficie.

Inforniamo a 250° in forno già caldo e ventilato e cuociamo per 8-10 minuti.

Sforniamo, e lasciamo raffreddare prima di tagliare e servire!

E se me vien a mi, te vien anca a ti!

Focaccia senza lievito con stracchino e asiago

 

 

38 Commenti

  1. Salve a tutti!! Ho provato a farla ma l’impasto mi risultava molto “appiccicoso” e non riuscivo a stenderlo il nessun modo 🙁 ho seguito alla lettera le dosi…cosa può essere successo?
    Help!!!!

    Un saluto!!

  2. Ho appena finito di impastare e ora sta riposando…però concordo con chi diceva che l’impasto risulta essere appiccicoso…io infatti ho dovuto aggiungere altra farina per creare la palla altrimenti mi sarebbe rimasto cremoso e appiccicoso…forse sono troppi 230ml di acqua? Ne serve meno…comunque vi farò sapere dopo l’assaggio! 🙂

  3. Ciao Sonia, complimenti per tutte le tue ricette!! Volevo chiederti se è possibile cuocere questa focaccia in padella? e quali altri ripieni potrei utilizzare per farcirla?? Grazie in anticipo!!! ^_^

    • Ciao io sono Kitchen Cri (Cristina) e grazie a Sonia ho potuto aprire un blog sulla piattaforma di Giallo Zafferano. La ricetta l’ho proposta io..non ho provato a farla in padella quindi non so come può venire, ma ho provato a farcirla con altri ingredienti, prosciutto e formaggio, verdure, ecc. puoi dare sfogo alla tua fantasia, viene sempre bene.

  4. Ho provato in questo momento ed effettivamente la dose dell’acqua è eccessiva. Ho dovuto aggiungere molta farina, perché il composto era stra-appicicoso! Cmq sicuramente sarà più semplice stenderlo. Vedremo ..

    • Qualcuno ha provato ed è venuta bene uguale…io ho seguito la ricetta che diceva di lasciarla riposare 1 ora

  5. Ciao , volevo provare questa focaccia ma volevo non metterci l’asiago…. cosa posso metterci insieme allo stracchino? qualche affettato ci stara’ bene?

  6. È quella che i liguri chiamano focaccia di recco. L’asiago non c’entra niente. Si usa solamente stracchino

    • Se fosse quella di recco lo avrei scritto…questa è una simil recco trovata su Cucinare Bene di qualche mese fa

  7. Ciao ho fatto questa ricetta!! devo dire molto buona…. mio marito si è aggiunto anche una
    fetta di salame 😀 Grazie per aver condiviso questa ricetta

Ciao lasciami un tuo commento e ti risponderò prima possibile