Marca Treviso: Il blog tour Bianco

Share

“La fabbrica di cioccolato” “Chef” “Ratatouille” solo per citarne alcuni! No non sono pazza, o meglio forse anche lo sono ma la domanda è…Che cos’hanno in comune questi film? La cucina direte voi e in parte è così ma il vero motivo che li accomuna per me è che dopo averli visti, ho sempre desiderato esserne io la protagonista. Vedere una catena di montaggio dall’interno, vedere una cucina professionale dall’interno, assaggiare piatti appena creati, vedere come vengono prodotti generi alimentari di diversi tipi, insomma, la passione per la cucina mi ha sempre portato ad essere curiosa di tutti i suoi aspetti, dalla materia prima al prodotto finito. Se avete letto fin qui, sicuramente inizierete a chiedervi dove voglio andare a parare! Bando alle ciance quindi “stringo”…questo blog tour nella Marca Trevigiana mi ha fatto vivere tutto ciò che vi ho appena scritto. Mi ha reso protagonista di un bellissimo film all’interno di eccellenti aziende come Fraccaro Spumadoro, Mangiarsano Germinal, Azienda Master, Azienda Vitivinicola Loredan Gasparin e Latteria Perenzin. Forse vi chiederete perchè blog tour Bianco…beh come riportato dal comunicato stampa che avevo pubblicato precedentemente: il Consorzio di Promozione Turistica Marca Treviso ha organizzato 4 blog tour identificati ognuno da un colore, il primo (appunto il bianco) è il colore del latte d’alpeggio e dei formaggi, assieme al Prosecco Asolo Docg e alle opere di Antonio Canova. Attenzione però, queste sono solo le aziende che abbiamo visitato, ma il blog tour è stato ricco anche di arte, paesaggi mozzafiato e degustazioni top. Nel prossimo articolo vi parlerò dell’alba vista dalla Malga Molvine Binot(dove abbiamo raccolto le erbe spontanee e fatto burro e formaggio con le nostre mani!), della meravigliosa Pinacoteca del Canova e di altro ancora, non PERDETEVELO! Tutto questo è stato reso possibile dal Consorzio di Promozione Turistica Marca Treviso e da AIFB.
In questo articolo cercherò di trasmettervi le stesse emozioni, gli stessi profumi e sapori che ho vissuto io in questo bellissimo weekend. Sono stati tre giorni intensi, dunque mi ci vorrebbero almeno tre giorni per raccontarlo…intanto inizio…poi vediamo dove andiamo a finire.
Venerdi ore 12.30
Ci avevano raccomandato “PUNTUALITA'”, alle 12.30 davanti a Fraccaro Cafè a Castelfranco Veneto e invece io che disto solo una trentina di km da li, sono arrivata per ultima. Iniziamo bene direte voi…ahahahahah in realtà 2 blogger provenienti da Milano (in tutto eravamo 10) hanno perso la coincidenza a Padova causa forte ritardo dei treni, strano vero? Non succede mai! Così sono andata a recuperarle in stazione e siamo arrivate un po’ in ritardo. Tutto è bene ciò che finisce bene si dice e così breve1 presentazione tra blogger, foto di gruppo di rito, discorso delle autorità e del titolare della Fraccaro spumadoro, con relativa apertura del blog tour, aperitivi veg a base di quinoa e orzo, prosecco doc, vestizione con camici e cuffiette, blocco per gli appunti e adrenalina a mille…2 e via veloci a visitare il meraviglioso laboratorio (enorme) di Fraccaro Spumadoro. Profumi inebrieanti, pulizia e attrezzature ultra professionali in un’azienda nata da un piccolo panificio nel 1932. Io ho potuto vedere coi miei occhi “distese” di panettoni (e non solo) a lievitazione naturale, con un Lievito Madre di 80 anni! Si avete capito bene! Loro lo usavano quando la maggiorparte della gente non sapeva neanche cosa fosse il lievito madre.
Mi pare che le immagini parlino da sole.

3
Dopo la visita abbiamo potuto provare coi nostri palati, la loro meravigliosa pizza a pala e il sublime Panettone Tre Presìdi.
Ancora con il gusto del panettone in bocca siamo ripartiti per visitare MangiarsanoGerminal. Beh la conoscete no? Gli scaffali dei negozi sono ricchi dei loro prodotti. Se per caso non la conoscete, sappiate che è l’azienda leader nella produzione di alimenti biologici e salutistici…il loro motto è “Nutri la tua salute” e vi ho detto tutto! Abbiamo dapprima girato per i loro laboratori completamente asettici dove saltava immediatamente all’occhio la pulizia e…nel momento della visita …milioni di biscotti e crostatine, in una perfetta catena di montaggio dove eravamo tutte imbalsamate con gli occhi a cuoricino…proprio come nel film “La fabbrica di cioccolato”. Avrei voluto fare il bagno nei loro immensi barili di confetture…ma mi sembrava brutto!
Dopo la visita al laboratorio abbiamo partecipato ad una lezione di storia dell’evoluzione dei cereali, farine e grani antichi, resa non solo interessante ma anche un vero spasso dal docente di cultura e storia dell’alimentazione all’Università di Padova Danilo Gasparini (ma di lui vi parlerò nel prossimo post).

germinal

E per finire abbiamo degustato i meravigliosi prodotti della MangiarsanoGerminal. PS provate i biscotti di quinoa e gocce di cioccolato…una vera droga!

4
Pensate che la giornata sia finita qui? No no e no! Via da un’azienda dentro ad un’altra! E’ la volta di Master! Troppo semplicistico dire che fanno gnocchi perchè questa azienda è promotrice della tradizione culinaria veneta e italiana nel mondo. I loro gnocchi, il purè, i canederli e gli spatzle sono fatti con VERE patate fresche cotte al vapore e credetemi l’ho visto con i miei occhi. Ho visto le patate nei sacchi, la loro pulizia, la pelatura la cottura, l’impasto…fino al confezionamento. Una catena di montaggio perfetta diretta con professionalità e molta umiltà. Dopo la visita abbiamo anche potuto provare con le nostre papille gustative…al ristorante stellato Feva di Castelfranco infatti, lo chef Nicola Dinato ci ha deliziato con una squisita degustazione di gnocchi Master.

5
Dopo la cena abbiamo pernottato all’Hotel San Giacomo a Paderno del Grappa, anche se eravamo stremate…eravamo talmente felici che alcune di noi si sono fermate a chiacchierare fino all’una di notte…ma questa è un’altra storia ve la racconto nel prossimo articolo.

1 Trackback / Pingback

  1. Gnocchi di zucca con crema di sbrise - Kitchencri

Ciao lasciami un tuo commento e ti risponderò prima possibile