Ricomincio dalle Meringhe Vegane

meringhe vegane
Share

Eccomi qui a scrivere il primo articolo sul nuovo blog…dopo 700 ricette scritte negli ultimi 3 anni, mi ritrovo davanti al pc con in testa una tabula rasa. Ecchecavolo (tutto attaccato perchè rende di più) è vero ne ho scritte di ricette, ma in un certo senso è come se fosse il primo articolo di una nuova avventura, la paura di sbagliare, di scrivere cose poco interessanti, di un post che passi inosservato. E che ti frega direte voi! Si in effetti avete ragione, ma vi svelo un segreto! Non esistono casalinghe o food blogger che scrivono per la passione di scrivere, fregandosene se voi lettori leggete o meno, altrimenti perchè pubblicherebbero? Esistono casalinghe e foodblogger che con passione cercano di trasmetterla a voi attraverso le ricette ed esistono anche casalinghe e foodblogger che mosse dalla passione per i soldi o dalla passione di essere primedonne, vi bombardano con milioni di ricette (ricette? parliamone ahahahahah), professandosi gastronomi, chef stAllati o perfette casalinghe bussiness woman. Cosa significa casalinghe bussiness woman? E che ne so, mi è venuto così ad identificare quelle donne che si vergognano a dire che sono casalinghe e così si inventano termini improponibili per darsi un certo tono, per dimostrare che sone le mejoooo! A questo punto dell’articolo un buon 50% dei lettori (e me ne aspetto almeno 10 tra mia mamma, ed alcune amiche 😀 ) smetterà di leggere pensando tra se (ecco un’altra blogger frustrata che sputa veleno sulle colleghe), un altro 50% continuerà a leggere per vedere dove vado a parare: mamma non ti preoccupare che non dirò parolacce prometto! Tornando a noi…innanzitutto non sparo veleno, è quello che penso da tre anni, ma non c’è nulla di male, nel senso che non ci possono piacere tutti come non possiamo piacere a tutti noi, seconda cosa quali colleghe? Non sono mica Chiara Maci io, il mio blog non è un lavoro, non mi guadagno la pagnotta in futuro chissà, magari il mio blog sarà al primo posto tra i blog più letti di sempre…Non Rideteeee! Non è mica difficile eh…basta solo che do fuoco a tutti gli altri ed io sarò la prima ahahahahahhaha. Ok ritorno seria, o almeno cerco…torniamo ai due tipi di casalinghe e foodblogger, ovvio che se dvessi scegliere mi infilerei nella prima categoria ma in realtà non sarei sincera…io sono una casalinga per scelta, si si per scelta, ho la fortuna di avere un marito che col suo lavoro mantiene anche me e poi io son di poche pretese, non mi interessano firme e shopping sfrenato quindi gli è andata bene e poi sono un’ottima risparmiatrice, amo il fai da te tanto da farmi anche i mobili in casa e amo cucinare. Ho aperto il blog in un momento tremendo della mia vita e per evitare di darmi fuoco ho deciso di dar fuoco ai fornelli ahahahahah. Mi piace cucinare e mi piace scrivere, 198 persone si sono iscritte al mio blog per seguire le mie ricette ed io scrivo per loro e per chi di nuovo verrà. Un po’ come sui social network, scrivi perchè sai che qualcuno ti legge, in sostanza siamo tutti un po’ esibizionisti e quindi dovrei rientrare anche nella seconda categoria… a parte i soldi. Il mio blog non si prostituirà per i soldi (non mi fanno schifo i soldi eh) ed ecco perchè mi sono messa in “proprio”. Non voglio essere obbligata a far ricette solo perchè attirano utenti, al massimo le faccio per attirare amici e parenti, non voglio fare con un impasto 10 ricette perchè se provo una ricetta e mi piace non voglio mangiarne una briciola ma grosse e grasse quantità e cosa più importante….io cucino per mangiare…non voglio continuare a mangiare freddo per scattare 1750000 fotografie voglio mangiare caldooooooooooo! E poi rassegnatevi io non sono una fotografa, ci sto studiando, se ne avrò la possibilità seguirò dei corsi ma i o n o n s o n o u n a f o t o g r a f a! Non sono neanche una cuoca, cucino da quando avevo 11 anni mi piace cucinare e mangiare bene e tutte le ricette che troverete sono ricette che sperimento per me, per mio marito, per amici e parenti. Negli ultimi anni ho avuto qualche problema di salute e dopo un’intervento all’intestino ho dovuto rivedere un po’ la mia alimentazione, dopo diverse prove ho scoperto che la dieta alimentare più adatta al mio corpo è quella vegana. Quindi sei vegana? No non lo sono, perchè se capita di mangiare la mozzarella sulla pizza la mangio e ogni tanto mangio anche il pesce. Ma quindi se non sei vegana cosa sei? Ahò…sono Cristina Annatelli in arte Kitchen Cri e mangio come mi pare dacccccordoooooooo? (leggere con tono televendite Vanna Marchi). Perchè ve lo dico? Per farvi capire come mai nel mio blog troverete sia ricette con latticini e carne (ormai datati) sia ricette veg!
Il mondo vegano (parlo di ricette) mi piace assai, ho scoperto cibi e ingredienti incredibili, non è un mondo limitato, è in continua espansione e noi ne siamo entusiasti. Noi? Ah si dimenticavo che questa avventura l’ho iniziata con mio marito…
Un giorno un’amica, condivise sul mio profilo una battuta ironica sui vegani:
I VEGETARIANI E I VEGANI SI reinCARNano? ahahahhahaha io dopo aver provato questa ricetta direi che si REINMERINGANO!!!!!
Si si cari amici…sono proprio meringhe vegane…curiosi?

meringhe vegane

Ricomincio dalle meringhe vegane

La lista degli ingredienti per le Meringhe Vegane:

per circa 20 meringhe

  • 150 ml di acqua di cottura dei ceci
  • 125 g di zucchero integrale di canna
  • 2 cucchiaini di succo di limone

COME SI PREPARANO:

Potete utilizzare sia l’acqua di cottura dei ceci, sia l’acqua dei ceci del barattolo che trovate al supermercato.

L’acqua di cottura dei ceci dovete tenerla in frigo per circa mezz’ora, assieme a fruste e ciotola dove monterete il tutto.

Lo zucchero integrale di canna io l’ho posverizzato col frullatore in modo da ottenere una sorta di zucchero a velo.

Estraete tutto dal frigo, versate l’acqua di cottura dei ceci nella ciotola e azionate le fruste. Non preoccupatevi se l’acqua ha un colore marroncino, una volta montata si schiarirà e diventerà un bianco candido.

Bisognerà montare a velocità sostenuta per almeno 10 minuti, inserendo lo zucchero poco per volta in questi 10 minuti.

Otterrete una spuma bella ferma, ma non fermissima come gli albumi!

Inserite il composto in una sac a poche e formare le vostre meringhe su una leccarda ricoperta da carta forno.

ATTENZIONE: creare le meringhe alte almeno3 dita perchè in forno si afflosceranno un pochino.

Infornare a 100° per 90 minuti. P.S. Io metto un mestolo tra il forno e lo sportello in modo da lasciarlo aperto un pochino durante la cottura, per evitare l’umidità.

Ecco fatto, ditemi se non sono fantastiche! A me piacciono di più di quelle con gli albumi!

E se me vien a mi, te vien anca a ti!

meringhe vegane

Fonti: http://www.vegolosi.it/ricette/dolci-veg/meringhe-vegane/

16 Commenti

  1. Ma che bello il tuo primo articolo, esprime tutto ciò che sei, una bellissima avventura che ha inizio nel migliore dei modi ancora in bocca al lupo amica mia!

  2. Condivido molte cose che hai scritto e …ti auguro solo e sempre cose belle per te e per la tua famiglia!In bocca al lupo per questa nuova avventura ^_^!!!Ciao Cristina…

  3. Sei troppo forte, la numero uno! Ho sempre seguito il tuo blog ed ora ti seguirò in questa nuova avventura…quindi non mi resto altro che dirti “in bocca al lupo” e a presto! Ah, la ricetta l’ho naturalmente subito salvata! Cristina

Ciao lasciami un tuo commento e ti risponderò prima possibile