Seitan homemade (la mia settimana vegan)

Share

Parto dal principio…non sono vegana! Chi mi conosce e conosce il mio blog ormai lo ha capito ma per lo stesso motivo, sa anche che sono una blogger a cui piace sperimentare tutto o quasi. Sono mesi che parliamo della cucina vegana io e mio marito, da dove nasce, perchè, cosa bisogna evitare, con cosa si può sostituire ecc. Ho rispolverato dei libri comprati tempo fa ed ho fatto ricerche web. In parole semplici semplici i vegani non mangiano nulla che sia di origine animale, quindi niente carne, pesce, uova, latte e derivati, insomma niente di ORIGINE ANIMALE. Lo fanno perchè siamo tutti esseri viventi, uomini animali, pesci, insetti…e non trovano giustificazione alla morte di altri esseri viventi visto che la natura ci offre comunque di cosa vivere. Voi direte, beh ma il latte? o le uova? mica uccidi mucche e galline per questo. Beh pare non sia proprio così. Una volta forse ma non da quando gli animali vengono allevati in massa in condizioni spesso indignitose e massacranti. Leggevo che una gallina vive in media 15 anni ma sfruttata al massimo in realtà negli allevamenti dura 2 anni e le mucche vengono costrette tramite macchinari a produrre anche 150 litri di latte al giorno per 5 anni, poi sfinita e sfruttata verrà macellata. Insomma io non trovo nulla da ridire sui vegani e vi dirò di più…in effetti il loro ragionamento non fa una piega. Io non so se un giorno diventerò vegana, non sono una veggente…per il momento io e mio marito stiamo facendo la nostra Settimana Vegana, decisa di nostra spontanea volontà per capire fino in fondo questa filosofia di vita. Oggi è il secondo giorno, mi sento benissimo ho mangiato con gusto e al momento non sento la mancanza di nulla. Stamattina abbiamo fatto colazione con latte di farro, son rimasta strabiliata credo che resterà fisso nella mia dieta alimentare. E’ buonissimo! Con gran soddisfazione oggi vi presento il Seitan homemade.Esperimento riuscitissimo dal gusto completamente diverso da quello in commercio, molto molto più buono.

Seitan homemade(la mia settimana vegan)

Seitan homemade (la mia settimana vegan)

La ricetta l’ho presa qui variando aromi e tempi di cottura secondo il mio gusto.

  • 1 kg di farina manitoba
  • 620 ml di acqua circa
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 1 patata
  • 4 foglie di basilico
  • 4 foglie di menta
  • 40 ml di salsa di soia
  • alga Wakame (che io non ho messo 🙂  )
  • sale qb

COME SI PREPARA:

Ecco le fasi fotografiche:

PicMonkey Collage

 

 

 

 

FASE 1

In una planetaria ho messo tutta la farina e tutta l’acqua ed ho lasciato impastare a velocità sostenuta per 10 minuti.

Lo potete fare anche a mano, ma avendo la planetaria risparmio fatica.

FASE 2:

Ho formato una bella palla, ho messo l’impasto in una ciotola dai bordi alti e l’ho ricoperta di acqua fredda!

L’ho lasciata fare il bagnetto per 2 ore e mezza.

FASE 3:

Bisogna lavare sotto l’acqua corrente l’impasto affinchè perda tutto l’amido.

Tenete la ciotola sotto l’impasto così potrete controllare se l’acqua risulta pulita o no.

Alternate acqua fredda ad acqua calda (un lavaggio con acqua fredda uno con acqua calda).

Strizzatelo, torturatelo, allargatelo sotto l’acqua…ci vorrà un po’ io ci ho messo circa 30 minuti per vedere l’acqua nuovamente trasparente.

Non preoccupatevi se a momenti vi sembrerà che l’impasto si sciolga tra le dita, alternando acqua calda ed acqua fredda a volte “andrà in pappa” ed altre tornerà consistente.

Nella ricetta originale c’era scritto che questo era la parte più divertente, io non l’ho trovata poi così divertente ma quando l’acqua è tornata trasparente mi sono sentita molto sollevata.

E’ la fase più importante secondo me perchè se non lo lavate bene si attaccherà allo strofinaccio.

FASE 4:

Mettetelo per 5/10 minuti a scolare in uno scolapasta.

FASE 5:

Prendete uno strofinaccio pulito e possibilmente bianco e rovesciateci l’impasto sopra.

FASE 6:

Avvolgete lo strofinaccio come a formare una caramella e legate le estremità con spago da cucina.

FASE 7:

Mettete a bollire in una capiente pentola (l’acqua dovrà ricoprire il seitan): una patata pelata, una cipolla sbucciata, la salsa di soia, il basilico la menta e l’alga. Potete scegliere le spezie che preferite.

Lasciate cuocere 70 minuti poi spegnete, estraete delicatamente il seitan senza eliminare il brodo e lasciatelo raffreddare.

Toglietelo dal telo e ora sbizzarritevi con le vostre ricette.

Per conservarlo, rimettetelo nel suo brodo e tenetelo in frigo (dura 4/5 giorni) altrimenti tagliatelo a fette copritelo col brodo e congelatelo!

E se me vien a mi, te vien anca a ti!

 

6 Commenti

  1. Ciao,ci siamo già sentite a proposito della marmellata di fragole,non ti libererai di me,ti seguo sempre e mi piacciono le tue ricette.Anch’io ,come te,al momento non sono vegana,ma (anche se non è il post giusto)volevo informarti che ho acquistato il termometro da cucina ed ho sperimentato la tua marmellata.FAVOLOSA in mezz’ora la confettura è davvero pronta e super,grazie ,grazie ,grazie del consiglio,continua così(nel darci questi “trucchetti”) e ricette buonissime,Claudia

    • Che belloooooooooooooooooooooooo grazie mille per il tuo commento non sai che piacere mi fai! Scrivimi pure che io ne sono felice…volevo solo dirti una cosa…mi spiace per te ma ora sarai dipendente dalle confettureeeeeeeee ahahahahahahahahahah io ne faccio di continuo!!!!Un abbraccio

Ciao lasciami un tuo commento e ti risponderò prima possibile