E se me vien a mi, te vien anca a ti

Torta salata di patate e radicchio

Torta salata di patate e radicchio
Share

Oggi vi propongo la torta salata di patate e radicchio fatta con la pasta della pizza e senza pomodoro e mozzarella, delicata e gustosa perfetta anche come ricetta riciclo, variando gli ingredienti con quello che avete a casa. Ho voluto giocare un po’ con la sistemazione degli ingredienti fino a formare un fiore per dare anche all’occhio la sua parte  🙂

Torta salata di patate e radicchio

Torta salata di patate e radicchio

La lista degli ingredienti per la torta salata di patate e radicchio:

  • 500 g di farina
  • 200 ml di acqua
  • 50 ml di latte
  • 1/2 cubetto di lievito di birra
  • 1 cucchiaino e mezzo di sale
  • 2 ciuffi di radicchio tardivo
  • 2 patate medie
  • 1 cucchiai di farina
  • 30 g di burro
  • 1 bicchiere di latte circa
  • 1 pizzico di noce moscata

COME SI PREPARA:

Per l’impasto della pizza clicchiamo qui

Per prima cosa lessiamo le patate con la buccia e cuociamo il radicchio tagliato a metà nel senso della lunghezza, su una piastra rovente.

Prepariamo una besciamella liquida.

Sciogliamo il burro in una casseruola, tostiamo la farina e mescolando con una frusta, uniamo a filo il latte.

Aggiungiamo un pizzico di sale e la noce moscata, appena inizia ad addensare, spegniamo.

Togliamo la buccia alle patate tagliamole a fettine, disponiamole su un piatto, saliamole e mettiamoci un filo d’olio.

Dopo aver cotto da entrambe i lati il radicchio, mettiamolo in un piatto, saliamo e condiamo con un filo d’olio.

Foderiamo una tortiera o uno stampo da crostata con della carta forno e stendiamoci la pasta della fizza come se fosse pasta frolla.

Disponiamo sulla crostata le patate e il radicchio e con un cucchiaio, negli spazi, aggiungiamo la besciamella.

Inforniamo a 180° per 25-30 minuti (dipende dal forno, fate la prova stecchino).

E se me vien a mi, te vien anca a ti!

 

 

 



2 thoughts on “Torta salata di patate e radicchio”

Ciao lasciami un tuo commento e ti risponderò prima possibile