E se me vien a mi, te vien anca a ti

Zucchine in saor ricetta vegana

Zucchine in saor ricetta vegana
Share

Si si, avete letto bene, Zucchine in saor ricetta vegana. Avete mai mangiato le sarde in saor? Beh io ne andavo matta.

Ovviamente nel mio percorso vegano, sto cercando di eliminare ogni ingrediente di origine animale e, anche se il pesce non l’ho ancora del tutto abbandonato, sto provando ad inventarmi qualche ricetta per sostituirlo definitivamente.

Non è certo paragonabile come gusto una zucchina ad una sarda, ma vi garantisco che è davvero una specialità e mentre vi scrivo la ricetta, l’acquolina sale e mi fa desiderare di rifarle anche oggi.

Le Sarde in saor sono un piatto tipico della cucina veneziana, uno di quei piatti che i pescatori mangiavano sui pescherecci durante le numerose ore in mezzo al mare.

In sostanza…in saor è il termine dialettale per dire In sapore, saporite o marinate, in quanto la cipolla vine stufata con acqua e aceto e insaporita con pepe in grani a volte bacche di ginepro, uvetta e pinoli.

Tante sono le varianti, io uso solo pepe in grani mentre il mio papà ci metteva anche scorze di limone.

Zucchine in savor ricetta vegana

Zucchine in saor ricetta vegana

La lista degli ingredienti per le Zucchine in saor, per 4 persone:

  • 6 belle zucchine
  • 4/6 cipolle grosse
  • 1 bicchiere di aceto di vino bianco
  • farina di ceci qb
  • sale qb
  • olio di semi per friggere (circa 1 lt)
  • pepe in grani (io ho usato quello rosa)

COME SI PREPARANO:

La preparazione è semplice ma non velocissima, vi avviso.

Per prima cosa, laviamo le zucchine, spuntiamole e affettiamole verticalmente, in fette spesse circa mezzo centimetro.

Mettiamo in un’ampia padella l’olio di semi e scaldiamolo bene.

Mettiamo abbondante farina di ceci in un piatto e passiamo nella stessa, ogni fetta di zucchina, girandola da entrambe i lati, schiacciando bene in modo che si infarinino uniformemente.

Mettiamo le fette delicatamente nell’olio bollente e friggiamole un paio di minuti per lato, fino a doratura.

Con una pinza preleviamole dall’olio e disponiamole su di un vassoio con carta assorbente.

Ripetiamo l’operazione per tutte le fette.

Una volta terminato di friggerle tutte, saliamole e mettiamole da parte.

Sbucciamo le cipolle e affettiamole non troppo sottilmente.

Mettiamo un paio di cucchiai di olio della frittura (o nuovo se volete) in un’ampia padella e versiamoci tutte le cipolle affettate.

Lasciamo soffriggere a fuoco vivo per un paio di minuti, facendo attenzione a non bruciarle, poi abbassiamo la fiamma.

Aggiungiamo un bicchiere di aceto di vino bianco (o di mele) e due bicchieri di acqua e sale qb.

Copriamo con un coperchio e lasciamo stufare per circa 30 minuti a fuoco dolce, mescolando di tanto in tanto.

Se dovesse asciugarsi troppo, potete aggiungere poca acqua per volta.

Aggiungete una manciata di pepe in grani e spegnete.

In una teglia da lasagne o in un vassoio dai bordi alti, disponete uno strato di zucchine fritte, uno strato di cipolla, di nuovo zucchine e così via fino ad esaurimento degli ingredienti, terminando con la cipolla.

Coprite con una pellicola e lasciate insaporire almeno un paio d’ore.

Se le Zucchine in saor, le mettete in frigo, ricordatevi di tirarle fuori almeno un’ora prima di servirle.

E se me vien a mi, te vien anca a ti!

Zucchine in saor ricetta vegana

 

 

 



Ciao lasciami un tuo commento e ti risponderò prima possibile